Sul tema €uro negli ultimi anni abbiamo assistito a innumerevoli giravolte da parte del movimento 5 stelle. Una periodica rimodulazione delle posizioni. Un dire tutto e il contrario di tutto senza esporsi in maniera inequivocabile, un adattarsi all’aria che tira, fondamentale per avere sempre a disposizione un post, una dichiarazione, un’intervista di tizio o caio precedente funzionale al momento, all’interpretazione estemporanea, al passo indietro onorevole, al “non ho mai detto X in realtà intendevo dire Y”.

Le circostanze producono un’atmosfera favorevole alle critiche nei confronti dell’UE e €uro?
Ecco pronta la dichiarazione di Grillo anti €.
La situazione assume connotati contrari? Ovviamente, abbiamo una qualche evidenza della posizione moderata del movimento espressa dal Di Maio di turno.
Tanto non si capisce bene chi comanda. Chi comanda lo si decide al momento, appunto.

Così, in generale, da un lato si tranquillizza la base del movimento in qualche modo (confuso) “sovranista”, dall’altro non si spaventa il grosso dell’elettorato potenziale che, vittima di anni di terrorismo mediatico e disinformazione sulla questione, ha bisogno di tutto tranne che di venir messo di fronte alla crudele realtà.

Risultato?

Il movimento può essere visto come No € e pro € (o quantomeno neutro) in egual misura dall’opinione pubblica, in base al punto sulla linea temporale su cui ci si focalizza e all’imprinting che quel dato momento storico lascia all’osservatore medio (tendenzialmente smemorato e poco informato).

Una pericolosa ambiguità che quando viene manifestata all’attivista grillino (tendenzialmente smemorato e poco informato pure lui, con sfumature di fanatismo inquietanti) produce un percorso dialettico alquanto bizzarro con dei cortocircuiti logici che lambiscono il quadro del disagio mentale (o del fideismo più cieco).

Ho cercato di visualizzare questo flusso dialettico nello schema qui sotto a beneficio di quanti avessero la morbosa intenzione di intraprendere una discussione sul tema con il grillino medio: se lo conosci lo eviti.

Condividi